Ghirba - Biosteria della Gabella

Spiegami il passaggio dai For Food ai Dead Horses.
For Food e Dead Horses sono due cose ben distinte… i Dead Horses nascono da un progetto solista chiamato Zufux ma dopo qualche concerto mi sono reso conto che non sopportavo di stare su un palco da solo, senza condividere quel momento con qualcuno così ho chiesto a Mauro e Agnese dei For Food se volevano portare aventi questa cosa… L’inverno scorso abbiamo iniziato a provare e tutto è andato bene da subito e un mese dopo le prime prove abbiamo iniziato a fare concerti

Facciamo questo gioco degli zombi musicali: se potessi risuscitare un musicista morto sia rock o punk e blues chi sceglieresti?
Sarebbe bello sapere cosa farebbero al giorno d’oggi musicisti come Mozart o Beethoven… gli altri è bello ricordarli per ciò che hanno fatto

Ci sono anche degli eroi letterari che vi ispirano?
Letturatura e poesia hanno sempre avuto una grande importanza per tutti e tre… con una canzone hai la possibilità di esprimere qualcosa che difficilmente potresti esprimere in altro modo… i testi sono fondamentali e sono ovviamente influenzati dalle letture oltre che da altra musica… Hobo Talks, per esempio, è ispirata alla figura di Neal Cassady

In una piccola città come Ferrara vi sentite delle mosche bianche?
A Ferrara sono nati e morti tanti buoni gruppi… purtroppo rimane una piccola città in cui sentirsi isolati o esclusi è molto facile.

Avete in programma anche di fare uscire un album come Dead Horses e magari un tour in autunno, anche all’estero?
La settimana prossima iniziamo a registrare… l’idea è di farne un disco… e dopo un disco l’ideale sarebbe andare in tour… ovviamente non vorremmo altro

A cura di Paolo Camellini

PARTECIPA ALL’EVENTO
ASCOLTA HOBO TALKS