Ghirba - Biosteria della Gabella

Seguite le sedie fucsia di via Roma per intrufolarvi all’interno di cortili, negozi, spazi privati: si apriranno finestre su altri mondi che la fotografia riesce a svelare. Via Roma si racconta attraverso il mondo, e il mondo in via Roma.

150515_viaromagiornatainaugurale-62 150515_viaromagiornatainaugurale-69

Souvenir e ricette

Via Roma si può portare a casa in una mostra “souvenir”. Con la sua fisarmonica di cartoline “Baci da via Roma”, Giuseppe Boiardi ricostruisce il ricordo di una giornata felice, di un frammento di mondo, di una conversazione: “Era un’idea che avevo da un po’, quella di fare un organetto di foto souvenir. Ho pensato che via Roma non è da meno di luoghi notissimi e bellissimi dell’Italia e del mondo e che quindi si merita un souvenir tascabile nella migliore tradizione fototuristica”.

sample-3 ARISTA

In via Roma il cibo non manca mai: nei “Piatti del Buon ricordo” di Annarita Mantovani farete il giro del mondo attraverso le ricette dei cuochi della strada. Per scoprire il procedimento, seguite il QR code che si trova sulle vetrine dei negozi o andate sul sito di Ghirba biosteria. Legati al piatto, inteso come cibo, ci sono però anche altri rimandi da esplorare gli ingredienti, la preparazione, i ricordi che suscita legati anche alla propria terra di origine.

150515_viaromagiornatainaugurale-85 150515_viaromagiornatainaugurale-71

Eventi in spazi privati

Non mancano le occasioni per entrare, come ospiti speciali, all’interno degli appartamenti di via Roma. Le aperture straordinarie avverranno oggi in occasione di “Casadolcecasa”, la performance poetico-rumoristica di Antonella Bukovaz e Massimo Croce (prenotate alla biosteria Ghirba o al 320 2883618).

Per esplorare la storia del quartiere (una volta considerato “ghetto”), potete partecipare alle Visite guidate che si terranno sabato 16 e domenica 17 (a cura di Eleonora Ferrari e Istoreco; ritrovo alle ore 17sotto l’arco di via Roma, prenotazione al 320 2883618).

Sul terrazzo di Palazzo Maria Melato potrete sedervi a fare due chiacchiere insieme al geostorico Antonio Canovi (domenica 17 maggio dalle 16 alle 18). Le macerie delle demolizioni forzate del secolo scorso oggi trovano una voce in un intervento di street art opera di Psikopatik.

1_web 150515_viaromagiornatainaugurale-58

Mostre dedicate a via Roma

Via Roma espone la propria geografia per interpretare l’ “Effetto Terra” in alcune delle cinquanta mostre dell’itinerario. Al cortile del civico 50, Antonella Belletti si è ispirata alle attività dell’Associazione “Non da sola”, che in via Roma ha aperto un laboratorio formativo di sartoria.

Giulia Dall’Aglio porta l’atmosfera di Santa Croce esterna, con le sue Officine Reggiane, in un luogo storico come la Stamperia F.lli Manfredi di via dei Cambiatori (aperta al pubblico per l’occasione).

Presso la Macelleria Oleari, Roberto Bertozzi e Caterina Voltolini espongono una delle proprie opere del progetto “Tras-portaRE”, dislocato in diversi angoli della città. L’immagine rappresenta il lago di Garda, il cui profumo pare si senta fino in via Roma nellerare giornate limpide di vento forte da nord. Gli artisti sono partiti da una mappa del Cinquecento che mostra Reggio Emilia con la rete di canali e mulini (nonché il Crostolo) all’interno delle mura cittadine. Seguendo questi percorsi antichi, portano la mostra in luoghi simbolici di quel passato governato non solo dalla terra ma anche dall’acqua.

Tra gli altri progetti dedicati a via Roma: Un oggetto, tante storie, una sola terra” di Pier Luigi Sgarbi ed Elena Viappiani, Duel” di Claudio Amadei, Realtà aumentata” di Fabrizio Cicconi e Piergiorgio Paterlini.

App audioguida

Via Roma si racconta anche attraverso l’App Audioguida “Via Roma Trip”, disponibile gratis su Google Play e App Store: non è una guida tradizionale ma un viaggio sentimentale dentro il quartiere. Ideata da Irene Russo e sviluppata da Giulia Dall’Aglio e Michol Iotti con grafiche di Letizia Chianello, quest’anno l’app è stata aggiornata con nuove interviste (al geostorico Antonio Canovi, la sindacalista Marianella Casali, lo Zio dell’Hotel City) e nuove immagini da sfogliare.