Ghirba - Biosteria della Gabella

CINQUANTA FOTOGRAFI IN VIA ROMA PER FOTOGRAFIA EUROPEA – VIA ROMA 22


 

Scenari bucolici dai colori delicati, ricordi lontani con un allure vintage. La figura femminile è al centro di questo progetto, con un richiamo al tema bucolico e alle atmosfere di altri tempi.

Quale storia racconta la tua mostra?  

Per me la fotografia è  un modo di raccontare stati d’animo. Amo i posti un po’ nascosti, Milano è una città gremita di gente, questi angoli tranquilli sono un’oasi di pace in cui rifocillarsi e riposarsi. Nelle foto vorrei dare un’immagine di serenità e di armonia con la natura.

Quali sono i luoghi a cui sei più legato?  

Sono legata alle città del Nord Europa, amo il loro stile di vita, la mentalità i paesaggi, l’architettura, la moda. Amo tantissimo anche la Costa Azzurra con il suo stile marinière unico al mondo.

Ci racconti la tua esperienza da fotografo?

Non ho alle spalle una grande esperienza, mi è capitato di organizzare qualche shooting con delle modelle dopo che ho finito il corso alla Bauer

Dal punto di vista tecnico, quali strumenti utilizzi?

Da qualche anno sto utilizzando una canon EOS 1100 digitale e una Fujica analogica. Ogni tanto utilizzo la Polaroyd e la Diana Lomography.

Qual è il tuo fotografo di riferimento?

Luigi Ghirri per i paesaggi, Martin Parr per i ritratti, Cristina Coral per le atmosfere che riesce a far scaturire dalle sue foto, Anni Leppäläper il suo universo magico.

Me 

Sono Sara e ho 28 anni. Ho frequentato il corso di laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Bologna. Ho iniziato ad avere un approccio diverso verso la fotografia qualche anno fa, iniziando per caso a fare scatti a mia sorella e alle mie gatte oppure a vestiti e oggetti che trovavo in casa. Ho frequentato un corso di ritratto presso la Bauer a Milano. Al momento scrivo per un magazine di cultura contemporanea.

Giorni e orari: 15/5 ore 19-23, 16/5 ore 11-23, 17/5 ore 11-20.