Ghirba - Biosteria della Gabella

Grande cantore di viaggi e di storie, incantatore di ogni tipo di folle, grandi e piccole, ideatore ed organizzatore di uno dei più longevi festival di musica indipendente (Musica nelle Valli) e gran bevitore di sguazzoni. Ecco a voi Tiziano Sgarbi, in arte Bob Corn.

Da giovane con il tuo vecchio gruppo, i Fooltribe, dalle foto che ho visto, eri un vero e proprio grunge-rocker. Cosa è rimasto nello spirito adesso nella tua musica?

Direi praticamente tutto! Son cambiati i volumi ma quel che mi porta su un palco non è cambiato: esigenza di comunicare qualcosa che ho dentro e che dentro non vuol stare.  Quando lo faccio poi sto meglio. Oggi ho pure una camicia di flanella a quadri, pertanto….!

Invece col passare degli anni 90, negli ultimi dieci anni, nella musica diciamo “alternativa” veramente si è perso qualcosa o è solo cambiata?

Se per alternativo intendi quello che veniva chiamato d.i.y o rock indipendente sono dell’idea che quello spirito si sia perso, oppure nascosto ancor di più che allora. E specialmente il punk-hardcore di stampo americano che è stato il “la” a quel modo di farepensaresuonare è diventato qualcosa per me un po’ indigeribile. Non tanto per la musica in se stessa ma per il modo di porsi. In ambito rocknosiefolkelettronicosperimentale vedo e sento qualcosa di più “genuino”. È da tanto che lo dico quando me lo chiedono. Se penso alle band italiane di fine 90 inizio 00 e penso a quelle di adesso, beh lasciamo stare dai…E La colpa è di tutti: gruppi-organizzatori-pubblico. Si è persa la curiosità!

Avendo viaggiato in lungo e in largo l’Europa e l’America e avendo conosciuto tantissime persone, qual é la cosa migliore che hai imparato sulla gente?

La cosa migliore imparata dalla gente non la so. La gente incontrata in tutti questi anni mi ha dato tanta forza come penso di aver fatto io con loro , stando a quel che dicono di me. E quella forza accumulata mi serve tanto adesso che non posso andare a suonare come prima per diversi e non piacevoli motivi.

È da un po’ che non fai uscire qualcosa. Hai in cantiere un disco nuovo?

No purtroppo non ho canzoni nuove per un disco, ma solo un paio…  Mi piacerebbe farne un 7″ ma non sono ancora pronto. Presto ultimeremo le riprese per un videoconcertidocumento che racconta un po’ bob corn post terremoto, che è stato ed è uno dei motivi della mia aridità compositiva attuale. Una volta ultimate riprese e montaggio poi uscirà in formato dvd.