Ghirba - Biosteria della Gabella

Basta uno sguardo sfuggente alle mie creazioni per notare tre denominatori comuni: il filo metallico, la pasta polimerica e… il colore.
La mia storia d’amore con i gioielli fatti a mano verte attorno a questi tre elementi, che sono sempre presenti nei miei lavori, a volte separatamente, altre volte tutti insieme.
Quello del wire è un mondo intricatissimo e davvero affascinante che mi ha assorbita per primo. Mi sentirei davvero smarrita se non avessi vicino almeno un pezzo di filo metallico da torturare.
La pasta polimerica, d’altro canto, mi ha stregato con le sue infinite possibilità: è capace di dare vita a qualsiasi oggetto materializzabile. E’ come se fosse una sorta di immaginazione impacchettata. Vi basta modellarla e cuocerla ed eccola che diventa realtà!
Il colore invece è arrivato per ultimo nei miei lavori. Sono gradualmente passata da creazioni “a tinta unita” (alleandomi con il nero e l’argento, soprattutto) a creazioni sempre più ricche di sfumature cromatiche. Pennarelli, colori acrilici, smalti e persino ombretti sono diventati la mia quotidianità e ora davvero, non potrei farne a meno.

E pensare che è iniziato tutto quando mi ha folgorato questa semplicissima idea: “E se creassi un paio di monachelle a mano?”.
Curioso, il corso della vita.

> Visita il suo shop AlittleMarket
> Visita la sua pagina Facebook

> Vai all’evento SBADABAM