Ghirba - Biosteria della Gabella

11_Marco_Baschieri_m

Cosa ti piace fotografare?
Elementi umani nella quotidianità.

Qual è il tuo rapporto con la fotografia?
Paritario

Ci racconti la tua storia da fotografo?
Fin da bambino volevo fare fotografie, ma ho dovuto aspettare di avere 38 anni per potermi comprare, coi miei risparmi, una macchina fotografica analogica e totalmente manuale. Poi sono diventato smoderatamente ricco e ho potuto comprami una macchina digitale e automatica…Quella che uso tutt’ora.

Dal punto di vista tecnico, quali strumenti utilizzi?
Canon EOS 400D con obiettivo 18-55. Photoshop per la post produzione.

Qual è il tuo fotografo di riferimento?
Anders Petersen

Quale “storia” racconta il tuo progetto? 
Racconta di una piccola attività commerciale molto radicata nel quartiere, dove il rapporto tra esercente e cliente mantiene ancora una dimensione “umana”, sociale e amichevole che si sta ormai perdendo tra le corsie dei sempre più numerosi centri commerciali dove prevale la spersonalizzazione e il profitto che non tiene minimamente conto della sfera relazionale.

“La mia foto è la tua foto”: cosa ti ispira questa frase?
Socializzazione, scambi culturali, Suor Germana.

Bevitore di Lambrusco e lanciatore di coltelli, Marco Baschieri vive e prospera a Cavriago dove è stato adottato meno di due anni fa, dopo aver viaggiato tra Rubiera e Montecchio Emilia e Erevan. Si approccia alla fotografia digitale dopo anni di pellicola in biano e nero e camera oscura.